CAD, PIANO TRIENNALE PER L’INFORMATICA NELLA P.A.
E RESPONSABILE PER LA TRANSIZIONE DIGITALE

CONTENUTI CORSO

CODICE MEPA (per i non abbonati a FLAT e SUPERFLAT): PA360.53

DOCENTE: ing. Antonio Capodieci, Dottore di Ricerca (PhD) in Ingegneria dell’Informazione - Professore a contratto di Informatica per l’Ingegneria al Politecnico di Bari - Esperto in materia di Management ed E-Government per la Pubblica amministrazione - Formatore PA360

DESTINATARI: Dirigenti e Funzionari della Pubblica Amministrazione e Responsabili della Transizione Digitale

OBIETTIVI: Dopo la riforma attuata con D.Lgs. 217/2017, il Codice dell'amministrazione digitale impone a tutte le Pubbliche Amministrazioni di nominare un dirigente responsabile per la transizione digitale.
Il responsabile ha poteri di sviluppo e coordinamento e deve assicurare il rispetto degli obblighi previsti dalla normativa vigente (Codice dell'amministrazione digitale e relative regole attuative, Piano triennale per l'informatica nella P.A., ecc.).
Il corso fornisce ai Dirigenti e Funzionari della Pubblica Amministrazione e Responsabili della Transizione Digitale gli elementi base delle necessarie conoscenze di contesto.

PROGRAMMA:

IL CAD:
- Evoluzioni del Codice dell’Amministrazione in Italia
- Il Nuovo CAD (D.Lgs. 217/2017)
- Le novità introdotte dal Nuovo CAD
- Obblighi e Sanzioni
- Diritti Digitali
- Il ruolo di AGID
IL PIANO TRIENNALE PER L’INFORMATICA NELLA P.A.:
- Cos'è il Piano Triennale
- Le principali novità del Piano 2019-2021
- La struttura del Piano
- Componenti tecnologici e di governo della trasformazione digitale: Le infrastrutture, Le Piattaforme, I Dati della PA, Interoperabiltà, Ecosistemi Sicurezza Informatica
IL RESPONSABILE PER LA TRANSIZIONE DIGITALE:
- Chi è il Responsabile della transizione Digitale (RtD)
- Funzioni e ruoli del RtD
- Poteri del RtD
- La Circolare 1° ottobre 2018, n. 3

DOMANDE FREQUENTI

  1. Cosa è il CAD?
  2. Perché è importante?
  3. Quali sono le principali innovazioni del CAD?
  4. Quali sono gli obblighi imposti dal CAD?
  5. Quali sono le opportunità offerte dal CAD?
  6. Quali sono gli obiettivi del Piano Triennale?
  7. Che differenza c’è tra Strategia per la Crescita Digitale e Piano Triennale?
  8. Quali sono le figure che, all’interno delle amministrazioni, devono conoscere il Piano?
  9. Quali sono le novità e i più importanti cambiamenti contenuti nel Piano?
  10. Quali sono i compiti del Responsabile per la transizione Digitale?
  11. Quali sono gli enti obbligati ad avere un Responsabile per la transizione Digitale?
  12. Serve avere un Responsabile per la transizione Digitale?

SUPPORTO SPECIALISTICO

Il quadro normativo vigente, ma soprattutto il contesto sociale e tecnologico, impongono un adeguamento della visione organizzativa di un Ente pubblico alle opportunità offerte dalle nuove tecnologie.
Driver dell’innovazione nella P.A. sono stati spesso i vendor, in passato di Hardware, ora di Software, con le ovvie conseguenze del caso, in termini di mancanza di coordinamento e di sudditanza verso determinati fornitori.
Avere una visione strategica delle politiche da adottare per l’introduzione delle nuove tecnologie, al fine di operare delle scelte che oculate che ottimizzino le risorse e i risultati non è ormai più procrastinabile.
Il servizio offerto si propone di affiancare la Direzione dell’Ente e/o i Responsabili della Transizione Digitale/Responsabili dei Sistemi Informativi, nella definizione del Piano Strategico del Sistema Informativo.
Il Piano Piano Strategico del Sistema Informativo è uno strumento operativo che -dopo una attenta analisi dei sistemi informatici adottati da un ente ed in coordinamento con la vigente normativa, le Circolari AGID e lo stato dell’Arte Tecnologico- individua le iniziative da adottare nell’ambito dell’innovazione tecnologica, compatibilmente con le scelte di bilancio.


Corsi e-learning pa

PA360 srl
Viale della Libertà 197/A - 73100 Lecce
C.F. e P.I. 05034240753
  • 0832.409463
  • 0832.1836950
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Abilita il javascript per inviare questo modulo